linea

Presentazione del progetto NO FEAR
Nuovo Obiettivo della Facoltà per Eventi Avversi Rilevanti
Messina, 1 Aprile 2008


Terremoto di Messina 1908 Terremoto di Messina 1908

Cenni storici

"Cominciò finalmente ad albeggiare e con la luce cresceva la visione del disastro. Anzi, solo allora questo cominciava a delinearsi nella sua immensità. Le case tutte intorno, meno due o tre ad un solo piano e l`Isola, erano rase al suolo o mozzate a metà. Ed avvicinandosi alla Marina, si scorgeva la famosa Palazzata, sino al Municipio, completamente distrutta. Perfino il sontuoso e fortissimo palazzo Ainis, che era in principio della Palazzata, erasi ridotto ad un ammasso di rovine. Il suolo della Marina e della piazza Vittorio, intriso dell`acqua che vi aveva lasciata la gigantesca mareggiata, presentava numerose e profonde spaccature, il selciato era divelto e il piano stradale era in moltissimi punti avvallato.Lo spavento maggiore era cagionato dalla scarsità della gente, che si rifugiava in quel luogo sicuro, cosa che faceva comprendere che la popolazione era rimasta sotto le macerie."
("Il Mattino", 31 dicembre - 1° gennaio 1909 - testimonianza del prof. Arnaldo Bruschettini, docente di diritto commerciale.)

La mattina del 28 dicembre 1908 un violentissimo terremoto con una magnitudo della scala Richter di 6,7 distrusse la città di Messina. Tutta la zona urbana vera e propria, l`area tra la via Porta Imperiale a sud (presso l`attuale Tribunale) e il torrente Giostra a nord, subì i danni maggiori. I primi soccorsi alla popolazione civile vennero forniti, nell`immediatezza, da marinai della marina russa proveniente da una nave che transitava occasionalmente nello stretto in quelle ore, successivamente venne impiegato il Regio Esercito. Tutti gli edifici pubblici furono distrutti o subirono enormi danni. Crollò la storica "Palazzata", splendido complesso di edifici prospicienti il porto che formava il "teatro marittimo"; la Palazzata formava quelli che oggi potremmo chiamare i "quartieri alti" messinesi, perché abitata dai ceti più abienti, tuttavia dopo il terremoto questi ceti emigrarono in buona parte da Messina, rimanendovi solo in minima misura.
Terremoto di Messina 1908
Al momento del sisma Messina contava 130.000 abitanti circa, il sisma provocò circa 80.000 vittime. Per la gran parte della popolazione rimasta, appartenente prevalentemente a classi sociali medio-basse, furono costruiti degli alloggi provvisori in legno (baracche) in varie zone della città: Piano della Mosella (zona dell`attuale Viale San Martino), zona di Giostra etc. Oltre ai servizi più specificatamente attinenti alla protezione civile, soldati, carabinieri e marinai furono inoltre impegnati nella predisposizione di pattuglie di ronda notturna per impedire il saccheggio di quanto abbandonato e disperso da parte di bande di sciacalli. In riferimento agli aspetti sociali che avvennero nelle settimane immediatamente successive al sisma assumono particolare rilievo i fenomeni di violenza e di sciacallaggio che si verificarono. Questo fenomeno fu posto in evidenza sin dai primi giorni a Messina dagli uomini della "Saffo", in perlustrazione con marinai russi, che sorpresero alcuni malviventi intenti alla spoliazione dei cadaveri ed alla raccolta di oggetti abbandonati. Nuove significative segnalazioni pervennero poi da Reggio Calabria e da altre zone sinistrate. Visto l`intensificarsi del fenomeno e l`esigenza di porvi freno il Tenente Generale Francesco Mazza, comandante del XII° Corpo d`Armata di Palermo e nominato Commissario Straordinario per i circondari di Messina e Reggio Calabria, richiese ed ottenne provvedimenti durissimi. Con decreti del 4 e del 7 gennaio 1909 fu proclamato lo stato d`assedio, nei comuni e nei circondari di Messina e di Reggio Calabria, ed istituiti appositi tribunali militari. Tra le pene previste: quella di morte mediante fucilazione. Furono aumentati i controlli e le ronde. Qualcuno, preso con le mani nel sacco, pagò con la vita il suo squallido gesto. Il provvedimento fu poi ritirato nel febbraio 1909.




© 2008 by Facoltà di Medicina e Chirurgia - Messina

Valid HTML 4.01 Transitional      Valid CSS!